Wed. Dec 11th, 2019

Back to my roots…with Marco Bellini

7 min read

Deciding to open a blog about music, shows your willing to share your passion with whoever is on line, it’s just like sharing a piece of yourself, this blog, is dedicated to electronic music, and to all the artists who affect my musical taste; today’s interview is with an eclectic guy, Marco Bellini, a dear friend of mine and someone I would call a living legend for whoever was clubbing in Italy during the 90ies, but Marco is not only a dj, but much more as you will find out in a while, and personally, one of the artist I like the most and who guided my musical choices and taste since when I was a kid.

J: Marco, you’ve been such an iconic person when I was a teen ( and you still are) and you really affected my musical “education” ..as a kid in the club you used to tell me “you have a punk attitude, you must listen to punk rock” a suggestion that I followed..literally and I will always thank you for that!So, how did your style change from punk to the electronic music?

M: I started listening to music when I was very young (7/8 y.o.) all kind of rock during the early ’70ies (Bowie, Cooper, Iggy, Bolan) I felt that music deep inside in my unconscious and I grasped it while it got me shivering…I started understanding that a good tune, music in general would have satisfied most of my life.
I went through different stages, as my tastes in music were changing as the years went by,and so my sense of fashion changed with it: ’76/’78 hyppie style, ’79/’82 punk, ’82/’86 Dark/New Wave ’87/’89 Rock ‘n’ Roll L.A. ’90 House/Techno…if you love music you listen to a lot of stuff and when, in the 90ies the House music hit the climax, I didn’t think twice before jumping in it! I started listening to electronic music in the early ’80ies (Suicide, D.A.F., Nitzer Ebb, John Foxx, Kraftwerk…….) all bands who paved the way for all the future kind of electronic music genres.

J:Do you think being a dj changed lately?

M: Some time ago, who had a certain musical background, a vinyl collection and a true passione for the music had a chance to become a good dj, nowadays everyone can be a dj, more or less!
With the coming of new technologies (Traktor and sync button…) now mixing became easier ( but if a dj doesn’t need to care anymore about the beat matching because a device is doing it for him, where is the skill and the fun then??) and by the way, the main thing will always be the good taste and the good choices…

J: you’ve always been an eclectic artist, singer, musician, dj, model, performer, where did you take inspiration and passion?

M: From all the things I love,…from my world: music, cinema, books, comics, posters, cars, motorcycles,..in a word: ART!

J: What do you think about the taking over of EDM ?

M: Personally I don’t like it…maybe I am getting a bit old for that kind of music, it’s a sound that doesn’t touch me,…there is music I like and music I don’t….thanks God! And if it is true that music reflects the real essence of the human being, then everyone will get the music they deserve !!!

J: Can you tell me on what projects are you working on?

M: Lately I started building tunes again ( and I wasn’t doing it for years) and if I am honest I am really pumped about it…I wanna renew myself with some vinyl coming soon!

J: (Fan girl question) Romantic is my favorite tune of yours…will we ever see a follow up, or a new version?

M: Who knows, maybe yes…we remixed “Dirty” so releasing a remix of “Romantic” could be a good idea!

J: do you have more fun producing music or selecting tunes for the crowd in the clubs ?

M: An elating track you create in the studio gives me the same feeling of a super night in a club, they don’t always happen, obviously, but when it happens, you feel rewarded for all the job done! The studio and the club are the main ingredient of the picture!

J: How do you deal with social media?

M: Quite good, I’d say, I’m not a smartphone addicted, I check Facebook about 30 minutes daily more or less, you know, seeing all these young people always holding their phones…not for me, I am old school!

J: What would you say to young clubbers over there ?

M: I wish you have so much fun a s I did at your age!!!

Thank you Marco for taking the time and see you on the dance floor!!

Decidere di aprire un blog che tratta di musica, significa voler condividere la propria passione con chiunque sia on line, è un po’ come condividere una parte di se stessi,questo particolare blog è dedicato alla musica elettronica, e agli artisti che influenzano i miei gusti musicali, l’intervista di oggi è con un personaggio eclettico, Marco Bellini, un caro amico e quello che definirei una leggenda vivente per chi ha vissuto gli anni 90 nei clubs italiani,ma Marco non è solo un dj, ma molto altro…come scoprirete tra poco; e personalmente è uno degli artisti a cui sono più affezionata e che ha in qualche modo guidato le mie scelte e gusti in fatto di musica quando ero una ragazzina…

J: Sei stato un’icona di stile per me durante gli anni della mia adolescenza (e anche oggi) e hai avuto un’influenza importante nella mia “educazione” musicale…. da ragazzina in discoteca mi dicevi “tu sei sicuramente punk…devi ascoltare il punk ” 🙂 consiglio seguito alla lettera..e di questo ti ringrazierò sempre….
come sei passato dal punk alla musica elettronica ?

M: Iniziai da bambino (7/8 anni…) ad ascoltare/interessarmi di musica, tutto il rock primi ’70 (Bowie, Cooper, Iggy, Bolan…….)nel mio inconscio più profondo assorbivo come una spugna e sentivo dei brividi nella spina dorsale……iniziavo già a capire che una bella canzone, la musica in generale avrebbe soddisfatto gran parte della mia vita.
Le varie fasi della mia vita andavano sempre di pari passo con i gusti musicali del periodo e di conseguenza con i cambiamenti di look: ’76/’78 Hippie…….’79/’82 Punk…….’82/’86 Dark/New Wave………..’87/’89 Rock’n’Roll L.A………’90 House/Techno……se ami la musica ascolti un sacco di roba e quando, nel ’90, arrivò la grande piena del fiume “House” non ci pensai 2 volte a tuffarmi dentro!
Di musica elettronica ne ascoltavo già nei primi ’80 (Suicide, D.A.F., Nitzer Ebb, John Foxx, Kraftwerk…….), gruppi che spianavano la strada a tutta la musica elettronica futura…….

J: credi sia cambiata la figura, il ruolo, del dj ultimamente ?

M: Tempo fa, chi aveva un background musicale, una collezione di vinili ed un amore sviscerato x la musica poteva diventare un bravo DJ, adesso lo può fare chiunque, più o meno!
Con l’arrivo di nuove tecnologie (Traktor con sync….) è sicuramente più facile mixare (….ma se un DJ non si deve più preoccupare di cambiare i dischi manualmente a tempo perchè lo fà la macchina, allora il talento/divertimento dove stà ???) e cmq, quello che conta sarà sempre il buon gusto, le scelte musicali….

J: sei sempre stato un personaggio eclettico, cantante, musicista, dj, modello, performer, dove trovi entusiasmo e ispirazione?

M: Da tutte le cose che mi piacciono…….dal mio mondo: musica, cinema, libri, fumetti, posters, macchine, moto…….in una sola parola: ARTE!

J: cosa ne pensi del fenomeno dilagante che è diventato l’edm ?

M: A me personalmente non piace……forse stò diventando un pò vecchio x quel genere, un sound che non mi emoziona……..c’è musica che mi piace e musica che non mi piace, per fortuna!….e se la musica rispecchia la vera essenza dell’essere, allora ognuno avrà la musica che si merita!!!

J: a quali progetti stai lavorando?

M: Da qualche mese mi son rimesso a buttare giù tracce (…..cosa che non facevo da anni) e devo dire che mi stò gasando parecchio……..voglio reinventarmi con del vinile in uscita nel prossimo futuro!

J:(domanda da fan) Romantic resta una delle tue produzioni che preferisco… ci sarà un follow up, o una “rivisitazione” con un sound + attuale ?

M: Mah, chissà, anche si……. si era fatto un remix di “Dirty” per cui remixare “Romantic” potrebbe essere un’ idea!

J:ti diverti di + a produrre musica in studio o a selezionare le tracce nei clubs?

M: Una traccia esaltante che ti esce in studio è l’equivalente di una super serata in discoteca, non capitano sempre, ovviamente, ma quando succede ti senti ripagato di tutto il lavoro fatto! Studio e Club sono gli ingredienti del quadro generale!

J:il tuo rapporto con i social media?

M:Più che normale, direi……non sono un maniaco degli smartphones, FB lo vedo una mezzoretta al giorno, in media……vedere tutta questa gioventù alienata sempre con il cellulare in mano……..per me è diverso, io appartengo alla vecchia guardia!

J: cosa vorresti dire ai giovani clubbers?

M:Spero vi divertiate come mi sono divertito io quando avevo la vostra età!!!

Grazie Marco per il tuo tempo e ci vediamo in pista!!

https://itunes.apple.com/it/album/s*it-unique/id265057388

https://www.facebook.com/MarcoBelliniDJ?fref=ts

Tell me what you think

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.
Skip to toolbar