A chat with the Trance Queen…Emma Hewitt

Emma Hewitt doesn’t need any introduction, her very recognizable voice and distinctive style, made me fall for her the very first time I heard her singing; after so many big collaborations (Cosmic Gate, Armin van Buuren, Dash Berlin..to name a few) and the great success of her album Burn the Sky Down, she is now back with another stunning tune in cooperation with Mark Sixma,called “Restless Hearts”.

I am so excited to share this interview with you guys,she’s not only an amazing trance singer and song writer, not only a beautiful woman, but also a wonderful soul, so kind-hearted and down to earth, and I am feeling really blessed she made the time to support my blog!!

J: Hello Emma,
thank you for supporting my blog with this interview 🙂

E: Hey Jess, it’s my pleasure! 🙂 Thanks for chatting with me 🙂

J: I know you started to sing when you were really young, so would you tell me
how did it all start?

E: It was never really a conscious decision, I just always wanted to sing and
be involved with music in some way. I started singing in bands when I was
still in school. As soon as I finished school my brother and I were saving
to record demos and send them to anyone who would listen. Through this
process, and constant writing and learning, we went in and out of different
record and publishing deals, different managers, many moves to different
countries and a lot of trial and error before we came to where we are now,
in electronic music.

J: What is the difference between being in a band and being a trance singer ?

E: The songs are all still written in the same way, on an acoustic guitar or
piano. The main difference for me is the freedom to travel around the
world either alone or with one other person and perform. With a band there
was always 6 of us and a sound guy, so travel and shows actually became
quite expensive. I must say it was a lot of fun having so many other
people to bounce off though. I really enjoy both worlds to be honest.

J: What inspires you the most when you write your lyrics?

E: Always life. The stories of the people around me. My own emotions.
Songwriting is a very therapeutic exercise and for me allows me to express
emotions and nostalgia that I probably wouldn’t otherwise express.

J: What is the most emotional gigs you remember?

E: Most of them actually become emotional in some way. There is often so much
energy from the crowd and I am always trying to give as much energy as I
can back. I think perhaps for me, the first solo sets I did at some of the
big festivals were kind of a milestone for me, as for a while people told
me only djs could do that.

J: Who would you like to work with in the next future ?

E: Anyone who writes a fantastic song and has a great sound…and of course is
a good person too 🙂

J: in your album Burn the sky down (that I adore) there is also a cover from
Placebo, This Picture, can you tell me why did you choose that tune ? (I am
a huge Placebo fan too)

E: Oh you are? Awesome! I am a huge fan of 90’s rock and industrial music.
I grew up with this darker kind of music, so I wanted to give a nod to that
genre.

J: What are the ups and downs of your job?

E: The ups of course are probably too many to list. I get to do what is
absolutely my passion, for this I count myself very lucky. Seeing places
all over the world that I would never otherwise have the chance to visit is
a wonderful perk, meeting people and making friends from other countries,
the crowds and energy of the shows…
Perhaps the only downside, which I would never complain about still as I am
grateful to do what I do…but I would have to say it would be missing out
on spending time with family and friends. Also perhaps the instability and
not particularly belonging anywhere. But I am happy to continue being a
traveling gypsy as the goods far out way the negatives!!

J: Any new project on the way?

E: Many! I have quite a few new collaborations lined up and I am also looking
at releasing a solo ep or album early next year. I took some time out from
releasing music for a while to gather fresh inspiration. Now I am fully
inspired and writing like crazy! 🙂

J: How did success affected your life ?

E: I guess it is difficult for any of us to really gauge our own success or
see ourselves as successful. For me I am always looking to the next
project or the next thing I want to achieve. I wouldn’t consider myself
successful until I have achieved all I want to. And I think if I ever
achieve all I want to I will become stagnant…there is so much more I want
to do before I would say I have reached success though.

J: You travel a lot, what are the things you always carry with you?

E: Always my kindle…I read a lot on flights. Black mascara is always a
must…without it I look like I have no eyes…if I stand in front of a
white wall you can’t see me. I always have my TC Helicon voice live vocal
effects so that I can create delays and reverbs for my live vocals,
ultimate ears in ear monitors so I can hear myself onstage…My
laptop…some giant shoes so I can pretend I am taller onstage :):)

J: Do you have a lucky charm?
E: Not a lucky charm so much, but I do travel with a few crystals that fit in
my pockets for good vibes and protection.

J: Are you coming back to Italy any soon?

E: I truly hope so! Italy is one of my favorite places in the world to
visit!! I absolutely LOVE the people…and the food!!!! Fingers crossed I
get to visit soon!

Thanks again Emma, really loved you find the time in your extra busy schedule for this lovely chat, and hope to see you again very soon 🙂

Here you can find her latest masterpiece with Mark Sixma “Restless Hearts”

https://armind.lnk.to/MSEHRHearts

Emma Hewitt on Facebook:

https://www.facebook.com/emmahewittofficial?fref=ts

Emma Hewitt on Instagram:

http://www.instagram.com/emmahewittofficial

Emma Hewitt on Twitter:

http://www.twitter.com/emhewitt

Back to my roots…with Marco Bellini

Deciding to open a blog about music, shows your willing to share your passion with whoever is on line, it’s just like sharing a piece of yourself, this blog, is dedicated to electronic music, and to all the artists who affect my musical taste; today’s interview is with an eclectic guy, Marco Bellini, a dear friend of mine and someone I would call a living legend for whoever was clubbing in Italy during the 90ies, but Marco is not only a dj, but much more as you will find out in a while, and personally, one of the artist I like the most and who guided my musical choices and taste since when I was a kid.

J: Marco, you’ve been such an iconic person when I was a teen ( and you still are) and you really affected my musical “education” ..as a kid in the club you used to tell me “you have a punk attitude, you must listen to punk rock” a suggestion that I followed..literally and I will always thank you for that!So, how did your style change from punk to the electronic music?

M: I started listening to music when I was very young (7/8 y.o.) all kind of rock during the early ’70ies (Bowie, Cooper, Iggy, Bolan) I felt that music deep inside in my unconscious and I grasped it while it got me shivering…I started understanding that a good tune, music in general would have satisfied most of my life.
I went through different stages, as my tastes in music were changing as the years went by,and so my sense of fashion changed with it: ’76/’78 hyppie style, ’79/’82 punk, ’82/’86 Dark/New Wave ’87/’89 Rock ‘n’ Roll L.A. ’90 House/Techno…if you love music you listen to a lot of stuff and when, in the 90ies the House music hit the climax, I didn’t think twice before jumping in it! I started listening to electronic music in the early ’80ies (Suicide, D.A.F., Nitzer Ebb, John Foxx, Kraftwerk…….) all bands who paved the way for all the future kind of electronic music genres.

J:Do you think being a dj changed lately?

M: Some time ago, who had a certain musical background, a vinyl collection and a true passione for the music had a chance to become a good dj, nowadays everyone can be a dj, more or less!
With the coming of new technologies (Traktor and sync button…) now mixing became easier ( but if a dj doesn’t need to care anymore about the beat matching because a device is doing it for him, where is the skill and the fun then??) and by the way, the main thing will always be the good taste and the good choices…

J: you’ve always been an eclectic artist, singer, musician, dj, model, performer, where did you take inspiration and passion?

M: From all the things I love,…from my world: music, cinema, books, comics, posters, cars, motorcycles,..in a word: ART!

J: What do you think about the taking over of EDM ?

M: Personally I don’t like it…maybe I am getting a bit old for that kind of music, it’s a sound that doesn’t touch me,…there is music I like and music I don’t….thanks God! And if it is true that music reflects the real essence of the human being, then everyone will get the music they deserve !!!

J: Can you tell me on what projects are you working on?

M: Lately I started building tunes again ( and I wasn’t doing it for years) and if I am honest I am really pumped about it…I wanna renew myself with some vinyl coming soon!

J: (Fan girl question) Romantic is my favorite tune of yours…will we ever see a follow up, or a new version?

M: Who knows, maybe yes…we remixed “Dirty” so releasing a remix of “Romantic” could be a good idea!

J: do you have more fun producing music or selecting tunes for the crowd in the clubs ?

M: An elating track you create in the studio gives me the same feeling of a super night in a club, they don’t always happen, obviously, but when it happens, you feel rewarded for all the job done! The studio and the club are the main ingredient of the picture!

J: How do you deal with social media?

M: Quite good, I’d say, I’m not a smartphone addicted, I check Facebook about 30 minutes daily more or less, you know, seeing all these young people always holding their phones…not for me, I am old school!

J: What would you say to young clubbers over there ?

M: I wish you have so much fun a s I did at your age!!!

Thank you Marco for taking the time and see you on the dance floor!!

Decidere di aprire un blog che tratta di musica, significa voler condividere la propria passione con chiunque sia on line, è un po’ come condividere una parte di se stessi,questo particolare blog è dedicato alla musica elettronica, e agli artisti che influenzano i miei gusti musicali, l’intervista di oggi è con un personaggio eclettico, Marco Bellini, un caro amico e quello che definirei una leggenda vivente per chi ha vissuto gli anni 90 nei clubs italiani,ma Marco non è solo un dj, ma molto altro…come scoprirete tra poco; e personalmente è uno degli artisti a cui sono più affezionata e che ha in qualche modo guidato le mie scelte e gusti in fatto di musica quando ero una ragazzina…

J: Sei stato un’icona di stile per me durante gli anni della mia adolescenza (e anche oggi) e hai avuto un’influenza importante nella mia “educazione” musicale…. da ragazzina in discoteca mi dicevi “tu sei sicuramente punk…devi ascoltare il punk ” 🙂 consiglio seguito alla lettera..e di questo ti ringrazierò sempre….
come sei passato dal punk alla musica elettronica ?

M: Iniziai da bambino (7/8 anni…) ad ascoltare/interessarmi di musica, tutto il rock primi ’70 (Bowie, Cooper, Iggy, Bolan…….)nel mio inconscio più profondo assorbivo come una spugna e sentivo dei brividi nella spina dorsale……iniziavo già a capire che una bella canzone, la musica in generale avrebbe soddisfatto gran parte della mia vita.
Le varie fasi della mia vita andavano sempre di pari passo con i gusti musicali del periodo e di conseguenza con i cambiamenti di look: ’76/’78 Hippie…….’79/’82 Punk…….’82/’86 Dark/New Wave………..’87/’89 Rock’n’Roll L.A………’90 House/Techno……se ami la musica ascolti un sacco di roba e quando, nel ’90, arrivò la grande piena del fiume “House” non ci pensai 2 volte a tuffarmi dentro!
Di musica elettronica ne ascoltavo già nei primi ’80 (Suicide, D.A.F., Nitzer Ebb, John Foxx, Kraftwerk…….), gruppi che spianavano la strada a tutta la musica elettronica futura…….

J: credi sia cambiata la figura, il ruolo, del dj ultimamente ?

M: Tempo fa, chi aveva un background musicale, una collezione di vinili ed un amore sviscerato x la musica poteva diventare un bravo DJ, adesso lo può fare chiunque, più o meno!
Con l’arrivo di nuove tecnologie (Traktor con sync….) è sicuramente più facile mixare (….ma se un DJ non si deve più preoccupare di cambiare i dischi manualmente a tempo perchè lo fà la macchina, allora il talento/divertimento dove stà ???) e cmq, quello che conta sarà sempre il buon gusto, le scelte musicali….

J: sei sempre stato un personaggio eclettico, cantante, musicista, dj, modello, performer, dove trovi entusiasmo e ispirazione?

M: Da tutte le cose che mi piacciono…….dal mio mondo: musica, cinema, libri, fumetti, posters, macchine, moto…….in una sola parola: ARTE!

J: cosa ne pensi del fenomeno dilagante che è diventato l’edm ?

M: A me personalmente non piace……forse stò diventando un pò vecchio x quel genere, un sound che non mi emoziona……..c’è musica che mi piace e musica che non mi piace, per fortuna!….e se la musica rispecchia la vera essenza dell’essere, allora ognuno avrà la musica che si merita!!!

J: a quali progetti stai lavorando?

M: Da qualche mese mi son rimesso a buttare giù tracce (…..cosa che non facevo da anni) e devo dire che mi stò gasando parecchio……..voglio reinventarmi con del vinile in uscita nel prossimo futuro!

J:(domanda da fan) Romantic resta una delle tue produzioni che preferisco… ci sarà un follow up, o una “rivisitazione” con un sound + attuale ?

M: Mah, chissà, anche si……. si era fatto un remix di “Dirty” per cui remixare “Romantic” potrebbe essere un’ idea!

J:ti diverti di + a produrre musica in studio o a selezionare le tracce nei clubs?

M: Una traccia esaltante che ti esce in studio è l’equivalente di una super serata in discoteca, non capitano sempre, ovviamente, ma quando succede ti senti ripagato di tutto il lavoro fatto! Studio e Club sono gli ingredienti del quadro generale!

J:il tuo rapporto con i social media?

M:Più che normale, direi……non sono un maniaco degli smartphones, FB lo vedo una mezzoretta al giorno, in media……vedere tutta questa gioventù alienata sempre con il cellulare in mano……..per me è diverso, io appartengo alla vecchia guardia!

J: cosa vorresti dire ai giovani clubbers?

M:Spero vi divertiate come mi sono divertito io quando avevo la vostra età!!!

Grazie Marco per il tuo tempo e ci vediamo in pista!!

https://itunes.apple.com/it/album/s*it-unique/id265057388

https://www.facebook.com/MarcoBelliniDJ?fref=ts

HAPPY BIRTHDAY TRANCE GATE!!!

Save this date: Saturday November 7th 2015 because the 10th anniversary of Trance Gate party will be celebrated.

10 years of the highest quality trance music brought to Italy thank to my friend, the amazing promoter and event organizer, Gianluca Ferrandu.

The 10th edition of this unique one night called Trance Gate started off last September 26th with Driftmoon (that we interviewed last month) and Re-Order.

This year we will see less parties, not the usual monthly event, but be sure that mr.Ferrandu will keep the quality at the maximum level, bringing us international trance djs from the biggest worldwide events.

And to celebrate this amazing goal, these first 10 years of big happenings, we find an extra special line up with 3 huge international artists:

MENNO DE JONG (NL)
https://www.facebook.com/mennodejong

DARREN PORTER (UK)
https://www.facebook.com/DarrenPortermusic

MANUEL LE SAUX (I)
https://www.facebook.com/ManuelLeSauxOfficialFanPage

The warm up set will be hosted by ENDRY++
Sabato 7 novembre 2015 si celebreranno 10 anni di eventi targati Trance Gate,
10 anni di musica trance con i migliori djs al mondo in esclusiva italiana grazie al lavoro dell’amico promoter e organizzatore di eventi Gianluca Ferrandu.

La decima stagione della one night Trance Gate si è avviata il 26 Settembre scorso ospitando in consolle Driftmoon (che abbiamo intervistato) e ReOrder.

Quest’anno la festa non avrà più una cadenza mensile, verranno proposti meno eventi ma state pur certi che la qualitò delle line up resterà altissima, con ospiti internazionali provenienti dalle consolle dei principali eventi Trance del pianeta.

E per celebrare questo magnifico traguardo, questi primi 10 anni vedranno una line up d’eccezione con 3 grandissimi artisti:

MENNO DE JONG (NL)
https://www.facebook.com/mennodejong

DARREN PORTER (UK)
https://www.facebook.com/DarrenPortermusic

MANUEL LE SAUX (I)
https://www.facebook.com/ManuelLeSauxOfficialFanPage

A fare gli onori di casa con il Warm Up set ci sarà ENDRY++

L’evento si terrà in Via Toffetti 75 a Milano dalle ore 23:00 in poi.
presso il Galimba’s
Space. La location è facilmente raggiungibile con ogni mezzo e si trova a pochi
minuti a piedi dalla Stazione Fs e metropolitana di Milano
Rogoredo.

Iscrivetevi all’evento ufficiale, in palio per i più
fortunati degli ingressi omaggio!
Prezzi
10 euro donna / 20 euro uomo con 1 drink incluso All
Night Long

Tessera Entes obbligatoria, tutti i possessori della
tessera Entes con la dicitura 2014/2015 possono presentarla all’ingresso.
Chi non è in possesso della tessera potrà ritirarla
alla cassa (costo 3 euro).

infoline 328 9650326
mail : trancegatemilano@gmail.com

MARTIN BUTTRICH – TWO NEW PROJECTS BORN SIMULTANEOUSLY

OCTOBER 16TH SEES THE FIRST COLLABORATION TITLED “SYNCHRONICITY” WITH MATHEW JONSON.

Hot off the back of writing, producing and recording Loco Dice’s Underground Sound Suicide LP, Martin Buttrich launches his new label, Rhythm Assault.

This project is intended to be an outlet for impulsive releases of his own music, free from the constraints of rigorously organised and planned imprints.

The label’s first project gives birth to Collaborator – A two volume project seeing Martin release a continuous stream of brilliant collaborations with the likes of Carl Craig, Guti, DJ Tennis, Loco Dice, Timo Maas, The Martinez Brothers, Guy Gerber to name but a few. October 16th sees the first Collaboration titled Synchronicity, with Mathew Jonson.

There’s a common misconception that Buttrich merely engineered the myriad tracks he’s worked on over the last two decades. In reality, his long-running partnerships with the likes of Timo Maas and Loco Dice were fully collaborative.

“I was never someone who would get told what to do in the studio” he says. “I like it more like a creative process. Really having hands on the song was most important. I haven’t really ever just engineered other artists, apart from maybe here and there for one song. I would say it’s co-writing, co-producing. I have requests where people would ask me, “can you mix my album?” and I’m absolutely not interested in that. Even for my own productions now, I’m thinking about getting a mixing engineer. For me, mixing is pretty much one of the worst jobs!”

Buttrich began producing at the age of 18 after being bitten by the dance music bug in parties in his hometown of Hannover and Berlin. A wealth of output under many different aliases ensued, but it was teaming up with Maas – whom he met when they both worked at legendary house label Peppermint Jam – in the late ‘90s that saw his career gain global significance. Their groundbreaking remix of Azzido Da Bass’ Dooms Night helped spawn entire genres, crashed into the UK Top 10, and led to remixes for everyone from Madonna to Muse, Kelis, Moby, Placebo, Jamiroquai and to a Grammy-nominated rework of Tori Amos. Former hip-hop DJ Loco Dice made for his second key partnership in the early 2000s, Buttrich helping him to become one of underground house and techno’s biggest stars and forming the acclaimed Desolate imprint with him.

His incredibly slick, highly musical yet intensely technical productions under his own name have been released on the likes of Cocoon Recordings, M_nus, Supplement Facts and Planet E, with his acclaimed debut album Crash Test landing on Desolat in 2010. There is no now doubt that he is amongst the house and techno scene’s finest artists in his own right – but rather than follow a path of self-aggrandisement, he’s decided to focus his new album and tour around collaborations once again, yet this time Martin will step from the shadows and into the light.

His 20 Years Of Martin Buttrich Global Tour – dubbed #9414 – saw him take his live show to some of the world’s finest clubs from September 2014 to December 2014. Martin teamed up with one of his favourite DJs for each date. “I was looking through old stuff, and I just thought – ‘wow, 20 years’. It’s just chance to give a little bit back to all the people who have supported me over the years, and it was also an opportunity to get together with the people I always wanted to play with.” With the likes of The Martinez Brothers, Loco Dice, Carl Craig, Guti, tINI, Mathias Tanzmann and Mathew Jonson in tow, the tour reached from Berlin’s Panoramabar to Chicago’s Spy Bar and makes for a timely reminder of his enduring – and ongoing – contribution to the scene.

La Trance italiana esportata nel mondo da Yves Delacroix

E oggi…ci occupiamo un po’ della trance di casa nostra….In particolare con uno dei personaggi che più stimo e ammiro da molti anni, Yves Delacroix, che pur essendo super impegnato, mi ha gentilmente concesso il suo tempo per un’intervista

J:Come è iniziata la tua carriera nella musica?

Y:Non mi sento di parlare di carriera se parliamo di inizi. In realtà il mio approccio alla musica fu un ripiego. Da piccolo ero minuto e soffrivo di asma. E mentre i miei coetanei giocavano a pallone i miei genitori mi mandarono a imparare a suonare uno strumento musicale. Avevo 7 anni e imparai a leggere e a suonare nella banda del paese. Da lì crescendo passai a fanfare militari poi rock band . Una evoluzione di pari passo con l’età.
Da grandicello Feci un album con un gruppo su cui puntavo molto e che poi invece si sciolse. Li iniziai a fare il dj seriamente. Ero stanco di fare musica dipendendo da altre persone. E non avevo più stimolo di comporre. Questa fase durò quasi 10 anni quando poi in una serata, fortuitamente incontrai Fabio XB (dj che sarebbe divenuto il mio attuale socio ). Me la butto lì di fare una collaborazione insieme. Io cercavo di differenziarmi e crescere nel mondo dei dj e accettai. E fu “close to the stars “.

J:L’ultimo anno è stato molto impegnativo e anche molto soddisfacente, mi parli un po di DestroYves e come è nata?

Y:Destroyves è l’esatta rappresentazione di una contraddizione in termini.
Faceva parte di un EP che poi alla fine per questioni di Schedulazione è stato splittato in due uscite singole. È nato dalla nostra esigenza di essere un po irriverenti nei confronti dei classicismi stilistici del genere Trance e dal desiderio di innovare e contaminare che credo ogni compositore dovrebbe avere. In realtà poi ci sono tantissime belle produzioni ma nella vita serve un pizzico di fortuna. È così è stato. Mando il pezzo in esclusiva ad Armin che se ne innamora e la suona in tutto il suo tour estivo.
nonostante il grande successo del pezzo non ho potuto godere per nulla del fortunato periodo a causa del brutto male che ha purtroppo colpito il mio socio e che abbiamo scoperto proprio in quei giorni. Ogni altra cosa è passata in secondo piano.

J:Come riesci a gestire la tua carriera , le produzioni e la tua scuola?

Y:Programmando, dando il 300% nella musica e non accontentandomi mai. Lavoro 7 giorni su 7 comprese le notti spesso. In realtà da quest’anno però ho calato molto le ore di lezione a scuola. E anche le produzioni da qualche mese vanno a rilento. Sono diventato papà e la cosa richiede molto spazio e nuova gestione dei tempi 🙂

J:Con quale artista ti piacerebbe realizzare una collaborazione?

Y:Mi piace molto lo stile di Sixma , e l ecletticità di Khoma. Anche David Gravell e Popov sono nomi a cui sarei incline.

J:Come credi si stia evolvendo la musica elettronica ?

Y:Nei prossimi mesi secondo me ci sarà un grande ritorno ancora una volta dei rimpasti degli anni passati. Avverto un’po’ di stallo sulla scena a livello creativo. Per questo io stesso cerco di essere eclettico nelle mie tracce seppur correndo il rischio di essere snobbato dai puristi del genere.

J:Prossimi progetti?

Y:Sto lavorando su un degno followup di destroyves. Che strizzi l’occhio all’elettronica ma che non tradisca le nostre origini Trance.

J:Tu non sei solo un dj ma anche un producer, com’è suonare la propria traccia davanti a un mare di persone x la prima volta?

Y:Suonarla e’ fantastico. Vedere che la gente la conosce e la canta invece è impagabile.

J:Quale consiglio daresti ad un dj oggi e quale ad un produttore?

Non voglio spaventare nessuno. Ma Per prima cosa gli consiglierei di chiedersi se è veramente quello che vuole fare. Perché spesso questo cammino richiede molti sacrifici sia a livello di tempo che a livello di investimento economico. Fare una traccia non significa affermarsi sul mercato discografico internazionale. Ci vuole costanza e continuità di uscita. E questo implica dedicare tutto il tempo che si ha a disposizione per questa missione. Io a 18 anni ero così innamorato della musica e del mondo della notte che ho fatto di tutto per farne parte. Da quel momento la mia vita sociale si è ridotta a zero.
Ho parlato anche di un aspetto economico. Le attrezzature professionali per produrre musica hanno un costo. Se uno ha anche la passione per i go-kart o il softair o di far tardi di notte per far festa, temo non abbia poi il tempo e i mezzi per fare il produttore.
Lo stesso David Guetta in una intervista diceva che il suo segreto per essersi affermato come dj era che mentre i suoi amici da adolescenti andavano in giro a far casino e a fare festa, lui era in studio a creare la propria musica…
Una volta stabilito che questa è la propria missione, il secondo consiglio che non mi stanco mai di dare anche a tutti ragazzi a lezione e quello di ascoltare, ascoltare ed ascoltare la musica con attenzione. Perché spesso la chiave per iniziare a produrre è già scritta. Non ci sono strutture astruse da inventare. Per capire come produrre una traccia che abbia una testa, un senso ed una coda spesso è semplicemente necessario saper ascoltare e codificare quello che normalmente sentiamo in giro. In radio, in televisione e sui nostri pc.
E Per ultima cosa, se veramente si ritiene che questo sia il nostro settore, seguire corsi specifici di preparazione alla produzione in modo da ottimizzare i tempi.
Mi spiego meglio: saper usare un software sequencer per un dj produttore , equivale a saper scrivere con una penna per uno scrittore …. Poi l’artista che sa scrivere, genera il romanzo vincente. Allo stesso modo il dj produttore Deve conoscere il proprio linguaggio e gli strumenti per poterlo manipolare con precisione e con semplicità se vuole arrivare a realizzare un brano. Se non so impiegare un software sequencer allora è impensabile riuscire a trasformare la musica che ho in testa in qualcosa di tangibile. A questo punto invece di sperimentare fino ad usurarsi le orecchie, meglio un corso formativo che dia le basi per poter iniziare a lavorare

Ringrazio Yves (Dave Pagani) per aver fatto 2 chiacchiere con me ed estendo il saluto al suo socio Fabio XB che spero presto avrò ospite nel mio blog 🙂

12080908_10207908407416955_201004800_n

Meeting REXANTHONY

10958799_10153321857418464_1930310149063921543_n

J: Rexanthony, seppur giovane, è un pezzo di storia della musica elettronica, il tuo stile ha subito molte evoluzioni pur restando molto riconoscibile, ora come credi stia evolvendo il trend edm che ha travolto tutti?

R: Partiamo dal concetto che il termine EDM in se stesso è una contraddizione incredibilmente reale. Per EDM si intende Electronic Dance Music e quindi un termine che abbraccia un campo enorme quanto privo di senso. Io dico che oggi EDM vuol dire prioritariamente 128 BPM e all’interno di queste battute, il grande valore del genere, è che puoi fare tutto quello che vuoi. E’ normale che esistano abissi ad esempio fra un brano di Calvin Harris e un “Animals” di Garrix… ma per gli addetti ai lavori sono entrambi EDM. Personalmente ho iniziato con “For You Marlene” anticipando di molto il genere hardcore…. poi ho realizzato una serie di opere techno: i mitici “Technoshock” che erano album e non singoli. E sicuramente “Cocoricò Three” grazie alla fiducia che nel 1995 mi diede il grande Bruno Palazzi. Quel doppio album, a parte le vendite costanti nel corso degli anni, è stato oggetto di oltre 12 licenze e ristampe internazionali…. e ha profetizzato la storia evolutiva di uno dei club più importanti d’Europa. Poi sono passato attraverso la trance, l’hardcore (con l’album “Hardcorized”) e l’hardstyle (con l’album “Drag Me To Hard”). Da circa 4 anni faccio EDM-electro-progressive… e ho avuto la fortuna di centrare subito l’obiettivo con il singolo “Electronic Generation”. Mi chiedi come si sta evolvendo l’EDM? Io dico che si è già trasformata in Future House e in Electro Next.

J: Cosa ti ispira maggiormente quando crei la tua musica?

R: Non ascolto i dischi degli altri, come fanno i classici DJ, perchè io sono musicista. Le ispirazioni sono molteplici ma prima di tutto nascono dagli stati d’animo che ciascuno di noi attraversa nel corso della giornata. Spesse volte compongo alla fine di un concerto, quando rientro nella mia stanza e mi vengono delle idee che non ho sfruttato nel corso del live. Prendo il mio Mac e lavoro…. altre volte vado in montagna e compongo.

J: Sappiamo che possiedi un’infinità di Synths… Sia hardware che software,se dovessi sceglierne 3, a quali non potresti rinunciare?

R: Uno sicuramente è il Korg Trinity, un altro è il Mini Moog analogico storico (di mia madre)…(Doris Norton n.d.r) ed uno sicuramente è il Roland bassline. Come batterie non posso non amare ancora la Roland TR909. Come synth software plug-in ne ho una barca e non mi dispiace nè il Nexus, nè il Massive.

J: Puoi parlarci un pò della collaborazione con il Principe Maurice x una versione del tuo più recente brano “Colors”?

R: La mia label Musik Research ha trovato dei punti in comune con il mondo artistico del Principe Maurice….. sicuramente il personaggio della notte più importante in Italia. Ci siamo visti nel corso del concerto a Bologna all’Unipol Arena (Memorabilia by Cocoricò) e lui è stato molto attratto dal brano “Colors” il quale in questo inizio autunno è presente in molte charts ed ha avuto il merito di aver raggiunto il 26° posto di iTunes official.Ha voluto inciderlo in lingua francese e la cosa mi ha molto soddisfatto perchè ritengo che possa emanare ulteriori emozioni. Quindi la prima uscita sarà “Colors” (French Edit) per fine Ottobre 2015, a cui seguiranno altri 2 singoli, un paio di E.P. ed un super album 2016 con situazioni anche molto sperimentali…. stiamo facendo insieme un “Capturing Matrix” ambient davvero dream ed un altro assolutamente oltre l’electro. Non è detto che porteremo questo progetto live: io (voce tastiere synth) e lui front-man…. staremo a vedere.

J: Con quale artista vorresti collaborare prossimamente?

R: Amo indubbiamente l’istintiva energia di Aoki… e siccome io ho sempre fatto cose dure, potrebbe essere una buona simbiosi. Comunque qui lo dico e qui lo nego…. io me ne frego di tutto e di tutti. Nel 2015 ho fatto concerti che hanno attirato dalle 10 alle 13.000 persone a data.. e quindi me ne sbatto.

J: Progetti futuri?

R: I progetti futuri sono tanti e sono troppi: innanzitutto grandi dischi e lives sempre più coinvolgenti, in area EDM e sempre meno in area Memory. Poi mi stanno dando un acconto per scrivere un libro su di me… soltanto che io non ho voglia di farlo e quindi sono in cerca di un/una giornalista che non faccia solo una banale biografia ma riesca e rendere il libro affascinante… so che non è facile. Altro progetto iper è la realizzazione finalmente dell’intero album “Electronic Generation”, tutto rigorosamente EDM-Electro con 10-12 brani assolutamente inediti. Quindi ultimare l’album di Stedel che è un progetto che mi ha impegnato molto ed infine, come se non bastasse, il mettere a fuoco una trasmissione radiofonica (network) curata da me.

J: Come operi in studio e come si diversificano i tuoi lives ?

R: In studio da sempre amo lavorare da solo….. non voglio collaboratori; posso partire o da un timbro o da un effetto o da una melodia e da lì comincio a costruire il brano: successivamente passo agli arrangiamenti effettuando poi decine di mixaggi diversi che ascolto infinite volte prima di scegliere il definitivo.
Nei lives il mio spettacolo è duplice: a seconda delle esigenze posso operare nella “techno memory ’90”, forte di tutti gli albums techno trance che ho fatto, ma so offrire anche un’ora ipercompressa di edm, eclectro, progressive o come la chiamano adesso futurehouse, naturalmente inedita e d’autore… tutto questo perchè non sono un DJ ma un musicista che può operare in mille generi.

J: Rexanthony e Antonius Rex, come riesci a districarti tra 2 progetti così diversi?

R: Devo dire che ho fatto tutte le tastiere e ho partecipato alle composizioni di un album mitico degli Antonius Rex (band rock-progressive) intitolato “Hystero Demonopathy”. E’ stato un album che abbiamo fatto uscire il 12-12-12 e che mi ha impegnato moltissimo. In Italia è arrivato al primo posto nel mondo rock indipendente (Masterpiece) e a livello di worldwide ha fatto incredibili downloading. La critica ne ha parlato come di un album cult divino e sicuramente sono uscite almeno 20 interviste e 60 redazionali in tutto il mondo. Lavorare anche nel rock-gothic-metal è un’esperienza che mi ha molto arricchito… anche perchè è molto più complessa a livello armonico-compositivo. Il mio amore di sempre resta comunque l’elettronica dove penso di poter dire la mia, sia nei lives che nella ricerca dei timbri.

J: La giornata tipo di Rexanthony tra studio e management della tua Label come si svolge ?

R: Da poco più di un anno abbiamo aperto la casa discografica Musik Research, la quale in questo momento ha oltre 30 artisti. Musik Research funziona primo come etichetta, secondo come distribuzione worldwide e terzo come editore. L’area di tendenza elettronica di Musik Research ha al momento oltre 20 artisti… ed ogni giorno abbiamo richieste di gente che vuole incidere da noi, al punto tale che sto cercando due collaboratori. E’ una storia che mi soddisfa molto e ti fa sentire i nuovi giovani vicini perchè sanno di trovare professionalità, comprensione e competenza… e sanno anche che i brani che escono da noi non sono inferiori ne a olandesi ne a americani. Chiaro?

J: Come si fa a uscire con la Musik Research?

R: Basta mandare un demo mp3 e noi ci rendiamo conto se il progetto è fattibile. Dopo di che ci sono tre modi operativi diversi che sarebbe troppo lungo elencare in questa sede. Comunque il modo migliore è quello che noi collaboriamo realmente con il nuovo artista… e che quindi l’artista sia nei nostri studi insieme ai nostri musicisti per realizzare il prodotto e limarlo decine di volte prima di farlo uscire. Garantiamo una distribuzione worldwide ed abbiamo il merito di essere ancora indipendenti, a differenza delle 2 o 3 label elettroniche presenti nel mondo, auspicate da tutti, che ormai sono diventate miliardarie, non guardano più l’artisticità del prodotto e stanno spostando il loro baricentro nell’area pop-dance.

J: Quale consiglio daresti ad un dj e quale invece ad un producer?

R: Non essendo io un DJ non sono in grado di dare consigli ai DJ. Penso invece di poter dire qualcosa ai produttori come me, dichiarando ufficialmente che anche se i tempi non sono dei migliori, è un preciso dovere di chi produce, continuare a produrre e cercare delle joint venture importanti. Fondamentale è che il giovane oggi sappia che non può costruire il suo futuro economico sulle vendite ma può sicuramente costruirlo sui lives… perchè non ci saranno mai lives che potranno essere scaricati e rubati. Se il brano realmente funziona (ed è sempre più difficile oggi visto che ne escono centinaia al giorno) ci sarà prima o poi un manager disposto a proporre al nuovo artista una serie di lives. Certo, cerchiamo di non imitare quei due coglioni che hanno pagato tutto….. Il pay-to-play è un suicidio, ma il mondo è pieno di suicidi.

Thanks